latte crudo
Alimentazione News

Latte crudo, un pieno di enzimi essenziali

Set 09, 2015 Marco Deepack

Il latte, negli ultimi anni è stato tanto demonizzato. Ma non è il prodotto in sé a causare problemi di salute, bensì l’allevamento intensivo e l’uso smodato di farmaci che vanno ad intaccare seriamente le virtù del latte.

Latte crudo, ricchissimo di enzimi salutari

Iniziamo freschi freschi con gli enzimi all’interno del latte crudo, ve ne descriverò, in breve, nomi e azione.

Lactase, per digerire il lattosio –  è l’enzima che ci permette di digerire il lattosio, ossia quello zucchero presente solo nel latte. Questo enzima è prodotto naturalmente dall’intestino degli esseri umani nei loro primi anni di vita, dopodiché smette di essere prodotto. E’ presente nel latte crudo, prodotto da alcuni naturali batteri specifici che producono acido lattico e consente all’essere umano adulto di digerire correttamente il latte…la stragrande maggioranza delle persone che sono considerate intolleranti al latte, non hanno problemi a bere il latte crudo in primis per questo enzima.

La pastorizzazione o la bollitura inibisce sia l’enzima che i batteri che lo producono.

Galactase, ottimo per il sistema nervoso –  L’enzima che permette la scomposizione del galattosio, un altro zucchero che ha un ruolo vitale nello sviluppo del sistema nervoso. E’ completamente inattivato a temperature che variano da 73° a 79°.

Lactoperoxidase, l’antisettico naturale –  A temperature di 70° viene inattivato. Questo enzima è un derivato proteico dall’emoglobina presente nel sangue della mucca. Lavora con il perossido di idrogeno per catalizzare l’ossidazione delle sostanze organiche nel latte. Questo enzima ha inoltre la funziona di distruggere i batteri patogeni esterni al latte.

Lattoferrina, per migliorare l’assorbimento del ferro –  Questo enzima è adibito a molte funzioni:

– uccide una larga scala di elementi patogeni che sono basati sul contenuto di ferro (e sono davvero tanti, fra cui la tubercolosi e la candida albicans).

– facilita molto l’assorbimento del ferro da parte del corpo, prevenendo in certi casi, le sindromi anemiche.

– rinforzo del sistema immunitario e supporto alla crescita dell’individuo.

– supporto per la perdita di peso ( ci sono integratori di lattoferrina!! non scherzo!!).

Sapevi che l’FDA americana ha approvato l’uso della lattoferrina come “spray antimicrobico” per combattere le infestazioni virulente del batterio E-Coli nell’industria della carne.

l’attività di questo enzima è dimezzata con la pastorizzzazione e inibita completamente con la UHT .

Catalasi, protegge le cellule – Enzima trovato in tutte le cellule animali e ha la funzione di protezione cellulare. Temperature che vanno da 65° a 70° inibiscono permanentemente questo enzima.

Amilase, attivo nella digestione degli amidi – Enzima emesso dalle ghiandole salivari e dal pancreas di tutti i mammiferi, ha lo scopo di pre-digerire gli amidi. La pastorizzazione inibisce permanentemente questo enzima.

Lipase, l’enzima più discusso: E’ un enzima che viene emesso dal pancreas ed è l’enzima additato come causa principale dell’andare a “male” del latte. Mentre la pastorizzazione distrugge questo enzima e permette un prolungamento della vita del latte, in uno studio sul latte materno umano, bambini prematuri hanno avuto un incremento di peso minore bevendo latte pastorizzato in comparazione con quelli che bevevano latte crudo.

La pastorizzazione distrugge dal 10 al 50% della vitamina C presente nel latte e dimezza il contenuto vitaminico di molte altre vitamine, B6 e B12 incluse.

Leggi anche: Il latte crudo è pericoloso?

[DEEPAK MARCO TUSHAR]