Benessere In evidenza

L’olio essenziale di Lavanda. Scheda, virtù, utilizzi

ott 04, 2015 lm&sdp

La lavanda è un piccolo arbusto perenne delle lamiacee originario dell’area mediterranea. Può raggiungere l’altezza di un metro, le foglie sono lineari e strette, di colore verde che d’inverno diventano grigio-verdi. I fiorellini raccolti in spighe sono di colore azzurro-violetto che, se strofinati emanano un forte aroma.

USATA FIN DALL’ANTICHITA’
Molto conosciuta sin dall’antichità, i fiori di questa pianta venivano utilizzati per preparare sacchettini profumati da riporre tra la biancheria per tenere lontane le tarme oltreché per profumare. Gli stessi fiorellini venivano posti tra le lenzuola del corredo delle giovani spose.
Nelle ricorrenze festive si usava spargere ramoscelli di lavanda sui pavimenti delle chiese e anche delle case.
Gli esoteristi ritengono l’essenza capace di attrarre le energie positive.
L’olio essenziale è considerato tra i più versatili e utili in numerosissimi casi e non dovrebbe mai mancare nell’armadietto dei rimedi

Olio di Lavanda – Olio Essenziale Vero Puro al 100% – 50ml

QUANDO PUOI USARLO….
In caso di irritabilità
L’essenza di lavanda è calmante ed equilibrante. È efficace in caso di insonnia, isterismo, nervosismo, palpitazioni, tachicardie e per tutti i disturbi d’origine nervosa.

Per la pelle
Indicato soprattutto nel trattamento di pelli grasse con foruncoli, di norma, l’olio essenziale, si miscela insieme alla camomilla ed al geranio per potenziarne gli effetti.

Per le ustioni, scottature
L’olio essenziale di lavanda è il miglior rimedio per le ustioni, le bruciature e le scottature solari.
Inoltre, grazie al suo potere citofilattico: promuove la formazione di nuove cellule dell’epidermide favorendo, al contempo, la cicatrizzazione.

Per i morsi di serpente, ragni
È un potente antiveleno ed agisce in particolare contro quello di vipera.
Per neutralizzare il veleno, basta strofinare alcune gocce d’essenza laddove si sia stati morsicati.

In caso d’asma o bronchite
L’olio essenziale di lavanda è un ottimo antispasmodico ed esplica una potente azione calmante in caso di attacchi d’asma. L’azione antisettica è invece utile nelle bronchiti.

QUANDO NON DEVI USARLO
Non assumere insieme a farmaci o cure a base di iodio e ferro.

TUTTI I DISTURBI CHE SI POSSONO CURARE CON LA LAVANDA
Acne, Affezioni polmonari, Afonia, Afte, Alitosi, Alopecia, Ansia, Appendicite, Appetito eccessivo, Artrite, Ascesso, Asma, Atonia gastrica, Blefarite, Blenorragia, Bronchite, Calcoli biliari, Candida, Capelli deboli, Capelli secchi, Carbonchio, Cefalea, Cellulite, Cheloidi, Chinetosi, Cistite, Clorosi, Coliche, Colite, Collassi, Colpo di sole, (insolazione) Congiuntivite, Contusioni, Convulsioni, Couperose, Crampi addominali, Deficit immunitario, Deliquio, Depressione, Dermatiti, Difterite, Disinfezione degli ambienti, Dismenorrea, Dispepsia, Dissenteria, Distorsioni, Dolori muscolari, Ecchimosi, Eczema cronico, Enterite, Epilessia, Eritema, Febbri eruttive, Ferite, Flatulenza, Forfora, Foruncoli, Funghi della pelle (Giradito, ecc.), Indigestione, Infezioni della gola, Influenza, Insonnia, Ipertensione, Irritabilità, Irritazioni cutanee da pannolino, Isterismo, Laringite, Leucorrea, Lombaggine, Macchie cutanee, Mal di testa, Mal d’orecchio, Malinconia, Mastite, Menopausa, Mestruazioni scarse, Meteorismo, Morso di serpente, Nausea, Nevrastenia, Occhi irritati, Oliguria, Orzaiolo, Ozena, Palpitazioni, Paralisi, Parassiti intestinali, Parto, Pediculosi, Pelle grassa, Pelle matura, Pelle secca, Pertosse, Piaghe, Piede d’atleta, Piedi stanchi, Psoriasi, Punture d’insetti, Raffreddore, Ragadi anali, Ragadi al seno, Reumatismi, Rinite allergica, Scabbia, Sciatica, Scottature solari, Scrofolosi, Shock, Sinusite, Slogature, Smagliature, Spermatorrea, Stomatiti, Stress, Svenimenti, Tarme, Tensione premestruale, Tifo, Timor panico, Tonsillite, Tosse, Torcicollo, Tricofizia, Tubercolosi, Ulcere della bocca, Ulcere varicose, Unghie incarnite, Ustioni, Vaginite, Verruche, Vesciche, Vertigini, Vomito.

LA SCHEDA TECNICA

Nome Botanico: Lavandula Vera, Lavandula Officinalis.
Altri nomi : Lavanda dei giardini, Lavanda comune.
Famiglia : Labiate.
Parti utilizzate: Sommità fiorite.
Costituenti principali: eteri di Linalile e Geranile, Geraniolo, Lavandulolo, D-a-pinene, Terpineolo, Ocimene, Cariofillene, Cumarina Linalolo, Cineolo, D-borneolo, L-pinene, Limonene, eteri Butirrico e Valerianico.
Metodo d’estrazione: distllazione a vapore.
Volatilità: 85 (medio)
Intensità dell’odore: 4
Momento balsamico: giugno-luglio.
Resa in essenza: 0,8-1,2%
Densità: 0,88-0,8

ATTENZIONE ALL’ACQUISTO

Gli oli essenziali devono essere scelti con molta attenzione, altrimenti si rischia di spendere i soldi inutilmente, o peggio, avere effetti avversi. Ecco, qui sotto, una lista dei migliori presenti sul mercato: